Sedi
Via G. Pascoli n. 60 – 20133 Milano
Via Cardinale P. Maffi, 5 - Pisa
Via XXV Aprile, 180/B - Crotone
Lun-Ven
09:00 - 12:00
16:00 - 19:00
Numero Verde 800 129 692
info@studiogammaonline.it

News

Le nostre news

Efficienza Energetica degli Edifici
Comments are off

Decreto Crescita, assegnati i 500 milioni di euro stanziati per i Comuni

Il MiSE ha adottato il provvedimento che assegna i 500 milioni di euro stanziati in favore dei Comuni per la realizzazione dei progetti di efficientamento energetico e di sviluppo territoriale sostenibile previsti nel Decreto Crescita.

Arrivano dal Ministero dello Sviluppo Economico le regole per i contributi da 50.000 a 250.000 euro per efficientamento energetico e sviluppo sostenibile. I Comuni beneficiari del contributo, previsto dal Decreto Crescita (DL 34/2019), dovranno avviare i progetti entro il 31 ottobre 2019, pena la decadenza del contributo.

Contributi per 7.915 Comuni

I contributi assegnati ai 7.915 Comuni italiani grazie Fondo Sviluppo e Coesione (FSC), destinato al riequilibrio economico e sociale tra le diverse aree del Paese, variano in base alla popolazione residente: da 50.000 euro per i Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti a 250.000 euro per i Comuni con oltre 250.000 abitanti. Nel dettaglio:

– 50.000 euro ai Comuni fino a 5.000 abitanti;
– 70.000 euro ai Comuni tra 5.001 e 10.000 abitanti;
– 90.000 euro ai Comuni tra 10.001 e 20.000 abitanti;
– 130.000 euro ai Comuni tra 20.001 e 50.000 abitanti;
– 170.000 euro ai Comuni tra 50.001 e 100.000 abitanti;
– 210.000 euro ai Comuni tra 100.001 e 250.000 abitanti;
– 250.000 euro ai Comuni con oltre 250.000 abitanti.

I contributi sono destinati a opere di efficientamento energetico quali interventi di illuminazione pubblica, di risparmio energetico degli edifici pubblici, di installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, e di sviluppo territoriale sostenibile quali interventi per la mobilità sostenibile, l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole ed edifici pubblici, l’abbattimento delle barriere architettoniche. Il Comune beneficiario del contributo può finanziare una o più opere pubbliche, a condizione che esse non abbiano già ottenuto un finanziamento pubblico e siano aggiuntive rispetto a quelle già programmate sulla base degli stanziamenti contenuti nel bilancio di previsione del 2019.