Sedi
Via G. Pascoli n. 60 – 20133 Milano
Via Cardinale P. Maffi, 5 - Pisa
Via XXV Aprile, 180/B - Crotone
Lun-Ven
09:00 - 12:00
16:00 - 19:00
Numero Verde 800 129 692
info@studiogammaonline.it

News

Le nostre news

Comments are off

Edifici civili, arriva la nuova regola tecnica antincendio per le facciate

Arriva la nuova Regola Tecnica Verticale per la sicurezza antincendio delle facciate degli edifici civili: si applicherà alle chiusure di strutture sanitarie, scolastiche, alberghiere e commerciali.

Novità per quanto riguarda la sicurezza antincendio delle facciate degli edifici civili: arriva la nuova Regola Tecnica Verticale. Dopo l’approvazione lo scorso 1° luglio da parte del Comitato Centrale Tecnico Scientifico (CCTS), la bozza del provvedimento sarà ora oggetto di osservazioni tecniche da parte degli ordini degli ingegneri. Le proposte saranno analizzate e vagliate dal gruppo di lavoro sicurezza del CNI, approvate dal Consiglio e successivamente presentate al CCTS.

La Regola Tecnica Verticale per le facciate degli edifici civili

La nuova regola tecnica verticale si applica alle chiusure d’ambito degli edifici civili come strutture sanitarie, scolastiche, alberghiere, commerciali e uffici, e mira a limitare la probabilità di propagazione di un incendio attraverso le sue chiusure d’ambito sia nel caso in cui l’incendio sia originato all’interno dell’edificio sia che sia originato all’esterno. Inoltre, la nuova regola tecnica contiene indicazioni per evitare o limitare la caduta di parti della chiusura d’ambito dell’edificio (es. frammenti di facciata o altre parti comunque disgregate o incendiate) in caso d’incendio che possano compromettere l’esodo degli occupanti o l’operatività delle squadre di soccorso.

Cosa prescrive

Le chiusure d’ambito sono classificate in relazione alle caratteristiche dell’edificio d’installazione. Ad esempio, vengono presi in considerazione fattori come le quote dei piani o l’affollamento complessivo. La regola, inoltre, sintetizza i requisiti di reazione al fuoco di isolanti termici, guarnizioni, sigillanti e materiali di tenuta, qualora occupino complessivamente una superficie maggiore al 10% dell’intera superficie lorda della chiusura d’ambito. Infine, vengono analizzate le caratteristiche e i requisiti di resistenza al fuoco in relazione ai diversi elementi delle chiusure d’ambito come coperture, facciate semplici e curtain walling e facciate a doppia pelle ventilate.