Sedi
Via G. Pascoli n. 60 – 20133 Milano
Via Cardinale P. Maffi, 5 - Pisa
Via XXV Aprile, 180/B - Crotone
Lun-Ven
09:00 - 12:00
16:00 - 19:00
Numero Verde 800 129 692
info@studiogammaonline.it

News

Le nostre news

Comments are off

Lavori pubblici, ecco il bando 2020 per l’adeguamento degli impianti sportivi

“Sport e Periferie 2020”, 140 milioni di euro per finanziare gli interventi di adeguamento degli impianti sportivi.

È stato pubblicato dall’Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri il bando “Sport e Periferie 2020”, 140 milioni di euro destinati a finanziare gli interventi di adeguamento degli impianti sportivi. Sono candidabili gli interventi volti a: realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi finalizzati all’attività agonistica, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; diffusione di attrezzature sportive con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economici e sociali esistenti; completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti da destinare all’attività agonistica nazionale e internazionale. La valutazione terrà conto anche degli obiettivi di riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché di miglioramento della qualità urbana e di riqualificazione del tessuto sociale, anche attraverso la promozione di attività sportiva.

Sport e Periferie 2020

Il bando è destinato alle Regioni, le Province/Città Metropolitane, i Comuni e i seguenti soggetti non aventi fini di lucro: federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, associazioni e società sportive dilettantistiche, enti di promozione sportiva, enti religiosi civilmente riconosciuti. Per quanto riguarda invece le Federazioni, le discipline sportive associate e gli enti di promozione sportiva, la richiesta deve essere avanzata esclusivamente dagli organismi sportivi nazionali e non dalle rispettive articolazioni e/o rappresentanze territoriali. Nella valutazione conterà la vulnerabilità sociale e materiale del Comune in cui è localizzato l’intervento, la sostenibilità ambientale, la contribuzione da parte del proponente, il livello di progettazione, il grado di definizione del piano di attività di gestione dell’impianto. Il contributo erogato non potrà superare i 700.000 euro per ciascun intervento.